Israel Nash

Israel Nash

Israel Nash potrebbe essere un abitante delle Texas Hill Country, ma in fondo sarà sempre un Ozarker, un abitante delle Ozarks, un'area di altopiani nel Missouri sudorientale.

"Sono nato e cresciuto in una piccola città del Missouri", riflette Nash. "Tutte le persone, le storie e la musica che mi hanno formato provengono da quella parte del paese, e ne ho sentito il richiamo in questo album."

Registrata con il produttore Kevin Ratterman (My Morning Jacket, Ray LaMontagne), il nuovo entusiasmante disco di Nash, Ozarker, è davvero un inno alle sue radici, ma ancor più di questo, è una meditazione sull'amore e sulla famiglia, sulla bellezza e sul dolore che sperimentiamo attraverso le varie generazioni, sui legami che ci uniscono nella buona e nella cattiva sorte. La sua musica si rifà al rock con cui Nash è cresciuto - Petty, Springsteen, Seger - con chitarre straordinarie e melodie che sembrano inni; i testi sono altrettanto cinematografici, dipingendo ritratti accattivanti di uomini e donne comuni che fanno del loro meglio per andare avanti con dignità e rispetto di sé. Alcuni personaggi provengono direttamente dalla storia familiare di Nash, altri da racconti uditi, ma tutti condividono la spiccata tendenza alla resilienza degli abitanti del Midwest, le loro speranze, sogni, trionfi e fallimenti, resi con grande tenerezza ed empatia. Sarebbe facile per Nash mitizzare il luogo da cui proviene, esprimere un giudizio sul paesaggio e sulla sua gente con il beneficio della distanza e del senno di poi, ma Ozarker presenta invece istantanee realiste e intime dei vari personaggi ritratti, resistendo alla tentazione di romanticizzare il passato per non perdere mai di vista l’umanità al centro del tutto.

"Penso che il motivo per cui il cuore del rock and roll classico persiste ancora è perché tocca temi che sentiamo tutti così profondamente", dice Nash. “Desiderio, lotta, impegno, fuga. Come artista, aspiro sempre a toccare quante più persone possibile, e questo è ciò che questa musica ha sempre rappresentato per me”.

Figlio di un predicatore battista e di un artista, Nash è diventato famoso prima in Europa, dove ha costruito un seguito fedele con una serie di album acclamati dalla critica che gli sono valsi un contratto con la rinomata etichetta Loose Music. Mentre cominciava ad affermarsi anche presso il pubblico americano, Nash lasciò la sua casa adottiva di New York per Dripping Springs, in Texas, dove costruì il suo studio in un ranch e iniziò ad abbracciare un suono più spazioso e psichedelico che arrivò a collocarsi da qualche parte tra Neil Young e Pink Floyd; Rolling Stone lo ha acclamato come un “maestro delle trame sonore”, mentre MOJO lo ha denominato un “visionario del folk-rock” ed Uncut ha semplicemente chiesto: “Chi può averne abbastanza di musica buona come questa?”

"Avere il mio studio da quasi un decennio mi ha davvero aiutato a crescere come artista", spiega Nash. "Più approfondivo la mia conoscenza, più mi rendevo conto che potevo affrontare le idee da molte angolazioni diverse, che non dovevo limitarmi a nessun genere o suono particolare."

Poco dopo la morte di Tom Petty, però, Nash si ritrovò a gravitare nuovamente verso la franchezza e la precisione artigianale di album come Full Moon Fever e Damn The Torpedoes. Ben presto cominciò a riprendere la direttrice legata a Born In The USA e Night Moves, immergendosi profondamente nei suoni con cui era cresciuto dopo decenni in cui si era allontanato da essi.

"Ascoltare quegli album rock del cuore mi ha fatto pensare alla mia storia del cuore, ", spiega Nash. "Mi ha fatto pensare a tutta la tradizione familiare che ho sentito crescendo, tutta la verità e la finzione che si mescolano insieme quando i racconti vengono tramandati più e più volte nel corso degli anni."

Spinto a saperne di più, Nash si rivolse a sua madre, che iniziò a riempire le pagine con i suoi ricordi di generazioni di Ozarker. Invece di scrivere l'album a casa nel suo studio, Nash ha deciso di trasferirsi nella vicina Wimberley, in Texas, dove ha affittato una casa sul fiume Blanco e ha iniziato a lavorare solo con una chitarra, una vecchia tastiera Casio, una drum machine vintage e un registratore a quattro tracce. L'idea era quella di sforzarsi di rimanere semplice e onesto, di evitare di cadere nella routine o di perdersi negli ingranaggi e di scrivere invece con l'urgenza e l'intenzione che le canzoni richiedevano.

"Ho scritto cinque canzoni in una settimana, creando l’impostazione di base per l'album", spiega Nash. "Il senso del luogo è davvero importante per queste canzoni, e individuare un luogo in cui potessi creare il mio piccolo mondo è stata la chiave."

Nash ha trascorso dieci giorni a registrare dal vivo nel suo studio con una band stellare che includeva Patrick Hallahan dei My Morning Jacket alla batteria, Curtis Roush dei Bright Light Social Hour alla chitarra, Seth Kauffmann dei Floating Action al basso e uno storico amico e collaboratore Eric Swanson al pedal steel. Da lì, Nash iniziò a recarsi nello studio di Ratterman a Los Angeles per catturare la voce e arricchire le tracce base con chitarre e sintetizzatori imponenti.

“Kevin è un mago assoluto”, riflette Nash. “Ha portato tutta questa incredibile attrezzatura analogica con sé a casa mia in Texas: è stato come mettere lo studio sotto effetto di steroidi, e poi ha aggiunto la sua incredibile abilità musicale su tastiere, chitarre e batteria oltre a mixare e masterizzare il tutto. "

Il risultato è un lussureggiante muro di suoni che sembra allo stesso tempo vintage e moderno, che macina come una turbina 50 anni di roots rock americano in un feroce vortice sonoro. Il brano di apertura Can't Stop prepara il terreno, con sintetizzatori che ribollono sotto l’effetto di chitarre intrise di riverbero che si sviluppano in un crescendo esplosivo. "Non riesco a fermarmi / Continua a far girare queste ruote", proclama Nash in un ritornello che si impenna. "Avvicinati e ti mostrerò come ci si sente." Come gran parte dell’album, è una canzone sul movimento, sulla crescita e sulla liberazione, ma c’è anche un dubbio in agguato sotto la superficie. Stiamo arrivando da qualche parte o le ruote stanno semplicemente girando a vuoto? L’ardente “Roman Candle” si muove verso un senso di fiducia e forza interiore, mentre la malinconica “Pieces” cerca un senso di normalità sulla scia della perdita, e la sognante “Firedance” rifiuta di arrendersi al peso del mondo.

"Dopo quello che tutti abbiamo passato negli ultimi anni, penso davvero che le persone abbiano bisogno di cantare ed ascoltare canzoni", dice Nash. “Abbiamo tutti bisogno di un sentimento di catarsi comunitaria”.

Questo senso di catarsi è al centro degli studi sui personaggi di Nash su Ozarker, che sono spesso tratti dalla vita reale. L'entusiasmante traccia del titolo racconta la storia del bisnonno di Nash, un lavoratore migrante che si innamorò della figlia del proprietario di un frutteto e mantenne la promessa di tornare di lì a un anno per sposarla; il bruciante “Lost In America” – ispirato da un amico di famiglia – segue un veterano del Vietnam sotto shock che non riesce a trovare pace dentro di sé; e l’inquietante “Shadowland” esplora i circoli viziosi dell’abuso di droga e della povertà che continuano a perseguitare le famiglie in difficoltà nelle zone rurali del Missouri.

"Non importa da dove vieni o dove vai, porterai sempre il tuo passato con te", riflette Nash. "Le persone, i luoghi, le storie, questo è ciò che ti rende te stesso."

È ciò che rende Israel Nash un Ozarker.

Upcoming tour dates - Concerti in arrivo

Non ci sono eventi per i prossimi giorni

Eventi Pomodori Music

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
24
25
26
29
30
31

Festival

Pomodorimusic è attivo organizzatore o collabora attivamente con i suoi artisti nella realizzazione di alcuni importanti festival...